Tel +39 0541 34 63 77

info@campingrubicone.com

Avviso ai naviganti… Si salpa alla scoperta della bellezza

Cari amici campeggiatori come state?
Io, il vostro Ruby, sono veramente rilassato e dal Camping Rubicone non uscirei mai!!!
Ho talmente tante avventure da vivere qui dentro che sembra il tempo non mi basti mai. Avete presente l’ultima gara di tiro con l’arco? Il mio sfidante è stato talmente bravo che non è servito nemmeno l’ausilio del mio codone per vincere…
Bando alle ciance oggi vi scrivo perchè, nonostante il camping sia meraviglioso, il territorio che ci ospita non è da meno.
Vi va di avventurarci verso Cesenatico? La scorsa volta abbiamo fatto una lunga passeggiata alla scoperta delle sfogline e del loro meraviglioso lavoro...cosa ci aspetta oggi? Pronti...si va!
Cesenatico è un luogo magico della riviera romagnola qui possiamo trovare storia, cultura e buon vivere. Il piccolo borgo storico ha ancora il fascino misterioso di un villaggio di pescatori…
Guardatevi intorno...sapete chi progettò il porto canale nel 1502? Quel Gran Genio di Leonardo Da Vinci!!! Il Porto Canale Leonardesco è il luogo distintivo della città. Leonardo lo progettò su commissione di Cesare Borgia, il Duca Valentino, celebre condottiero e cardinale, figlio di papa Alessandro VI. Si racconta che il grande scienziato toscano, per riuscire ad avere la prospettiva corretta del canale, si arrampicò su una bellissima torre che ora, purtroppo, non c’è più poiché fu fatta saltare in aria durante la Seconda guerra

Lungo la nostra passeggiata sul canale possiamo anche trovare dei luoghi fantastici come, ad esempio, la Casa Museo "Marino Moretti". Questa casa museo è dedicata al letterato crepuscolare Marino Moretti (1885-1979) e qui si conservano parte dei manoscritti e delle opere. Considerate che ci sono 6000 volumi. Se amate la letteratura dovete per forza passare di quà!

Continuando in questa direzione (segui la coda mi raccomando) incontriamo Piazza Pisacane. Avete visto che bella la statua di Garibaldi? Questa scultura rappresenta il primo monumento eretto in Italia in onore dell’eroe! Fu costruita, infatti, nel 1884 in memoria dello sbarco delle truppe di Garibaldi il 2 agosto 1849. Fu qui che Garibaldi trovò tutti gli approvvigionamenti necessari per raggiungere in seguito Venezia.

Arrivando poi in Piazza Fiorentini troviamo questo magnifico edificio in stile liberty, la pianta è regolare ad aula unica: la Pescheria 1911 o la Pescheria di Cesenatico. Questo edificio si deve all’importante opera di riqualificazione del territorio a mano di Amilcare Zavatti tra il 1896 e il 1938. La Pescheria di Cesenatico è uno degli edifici appartenenti all’importante opera di riqualificazione urbanistica compiuta da Amilcare Zavatti tra il 1896 e il 1938. Fu ideata per trovare un valido rimedio ai continui problemi di disordine, traffico e igiene che recava la vendita in strada del pesce. Dovete sapere che qui a Cesenatico si possono ammirare le ultime tre conserve ancora esistenti di tutto il Nord Italia. Le conserve servivano per mantenere fresco il pesce. Erano formate da una struttura in muratura, tipo un capannone, sotto la quale si trovava la cella per il ghiaccio: cioè una stanza a forma di imbuto in gran parte interrata. Una volta riempite di ghiaccio, le conserve mantenevano al loro interno una temperatura di -5° anche in piena estate. Furono costruite intorno al 1820 e restarono attive fino all’inizio del XX secolo.

Un’altra particolare esclusiva che si deve a questa bella città è il Museo della Marineria: l’unico museo galleggiante esistente in Italia. E’ la sintesi perfetta di secoli e secoli di storia marinara. Il Museo nasce come rappresentazione, inoltre, della storia della città stessa che negli anni, ancor prima dell’arrivo del turismo, vedeva come sua massima attività” la vita di Porto”. Il Museo è composto da due sezioni distinte: quella Galleggiante, dove risiedono le barche storiche del medio e alto Adriatico, e la Sezione a Terra, dove possiamo ammirare i vari aspetti della marineria.

Se torneremo da queste parti a Natale non possiamo perderci il meraviglioso Presepe Galleggiante.
Il presepe è stato creato non troppo tempo fa, nel 1986, ma è già parte della storia. Dalla prima domenica di dicembre fino all'Epifania, le barche della Sezione Galleggiante si trasformano in palcoscenico del Presepe della Marineria, opera degli artisti Tinin Mantegazza, Maurizio Bertoni e Mino Savadori.

Per prima fu scolpita la statua di San Giacomo, patrono di Cesenatico, a cui negli anni se ne sono aggiunte molte altre. Non aspettatevi di vedere le classiche statuine natalizie, la particolarità di quest’opera è proprio nel voler presentare la classica vita di un porto. Troveremo quindi rappresentata la gente comune di un borgo di mare: pescatori, falegnami, burattinai, una pescivendola, una donna con le piadine, bambini e musicisti.
Tutte le statue sono a grandezza naturale, scolpite in legno e adornate da stupendi abiti drappeggiati realizzati con tele rigide.
Vi posso garantire che l’effetto è straordinario soprattutto grazie alle illuminazioni delle barche che si riflettono sull’acqua del canale. Cosa che lo rende ancora più affascinante è il fatto che ogni anno il presepe muta. Infatti quando partì nel 1986 le statue erano solo 7 oggi siamo arrivati ben a 47 ( o forse qualcosa di più…)

Da queste parti possiamo immergerci nella bellezza di piccoli vicoli costellati di negozi, ristoranti e meraviglie per gli occhi… avete assaggiato il pesce azzurro? A Cesenatico si prepara nelle “rustide” , fidatevi è veramente buono e, perchè, no fa anche bene!!!

Che dite è arrivata l’ora di tornare al campeggio? I ragazzi dell’animazione ci stanno sicuramente aspettando e con tutto quello che abbiamo visto oggi potremmo suggerirgli qualche nuovo gioco da fare insieme…
Mi raccomando non perdete di vista la mia coda… vi porterò verso nuove avventure molto presto!!!